L’EcoTUr Caesar e la Decrescita Felice

L’EcoTUr Caesar è l’unità valoriale legata alla terra al “conio” di Cesare e allo “Stampo” di Maria. Partendo dalla Santa Casa Lauretana di Nazareth, come Valore Spirituale. Tutto ciò che si spinge oltre queste indicazioni, ci è estraneo.

-o0o-

DECRESCITA FELICE O FELICITÀ IN DECRESCITA? L’ECOTUR CAESAR INVERA I BORGHI DI XENOBIA

L’EcoTUr Caesar è il valore minimale di un Borgo “Eucaristico” di Xenobia; risponde ai pre-requisiti parametrati rispetto ad uno”standard esponenziale” indicato dalla Confraternita Arca dellaBellezza e fondato sulla gratuità o dono di sè. D’altro canto l’EcoTUr Caesar

non si “invera” fino a che non sia stata costruita unaCAERP(Cappelletta di Adorazione Eucaristica e del Rosario Perpetuo) e non sia stato sottoscritto l’Atto Costitutivo della Comunità da un Capomastro regolarmente eletto da una comunità di almeno 50 persone; di fatto il Capomastro diventerà il Sindaco Amministratore e Costruttore di riferimento delle Rettorie dell’Arca della Bellezza e potrà organizzarsi con Collaboratori scelti a sua discrezione che verranno agganciati agli Uffici di competenza su scala Locale, Provinciale e Centrale (Centro di Sperimentazione Permamente) a cui si riferiscono le 7 Rettorie dell’Arca della Bellezza, ossia Aree di Competenza per lo Sviluppo, la Crescita e la Didattica. L’EcoTUr Caesar è di fatto un valore agganciato alla produzione di Canapa (e ai suoi multiusi) e di tipo comunitario, non nominale, non monetizzabile, non ripartibile, non elargibile, non ipotecabile, ma CERTIFICATO dagli Istituti preposti dall’Arca della Bellezza, che dà titolo di RICONOSCIMENTO UFFICIALE a far partea tutti gli effetti della RETE di SISTEMA della Resilienza Cattolica e dà titolo di Grande Elettore. Di contro, chiunque non appartenga a tutti gli effetti alla grande famiglia della Resilienza Cattolica, puòacquisire titoli in forma di Bonus a Scadenza(depositando a tutti gli effetti una contropartita nelle Casse del Borgo, similabili aiMonti dei Pegni, ricevendo in cambio Note di Banco. Questi “pegni” possono essere accettati nei “tipi” che il CapoMastro riterrà più opportuni anche sotto forma di beni materiali e di utilità, edili, commestibili, energetici, proprietà) per l’acquisto di servizi, prodotti, fruizione o anche per donazioni ai quali Bonus farà riscontro, a norma di Legge (quella vigente nello Stato in cui insiste il Borgo), apposito ricevuta e relativa TASSA, se richiesta. Il CapoMastro provvederà a tenere la contabilità da presentare alla Comunità in tempo reale attraverso esposizione pubblica del Tesoro. In questo senso, pur mantenendo i pre-requisiti di base, il Borgo può diventare, ai fini della propria sopravvivenza anche un PRESTATORE D’OPERA nel senso del TURISMO e della QUALITA’ TOTALE, senza per questo sottrarre tempo alle attività di Missione (compreso le preghiere e l’osservanza dei precetti) e i doveri Familiari, regolamentate da Statuto e che consistono in 2/3 della Vita daResiliente. Ladimensione del Borgo e la variabilità dei parametri “dimensionali” dà diritto a più titoli di Grande Elettore, ma non costituisce di fatto una Rendita (salvo i benefici che ne può trarre direttamente dalle proprie attività VENDUTE o LOCATE a terzi (che “terzi” devono essere anche come quota parte del prodotto interno lordo, fatta la tara di ciò che spetta ai “Resilienti” stanziali e ai “Poveri, Pellegrini e Bisognosi” cui l’Arca della Bellezza provvede con Opere di Carità). Di fatto “la comunità di quel Borgo” proprio per essere particolarmente florida diventa più disponibile nei confronti delle comunità più bisognose sia a causa proprio della sua eccedenza di crediti e meriti, ma anche a causa, probabilmente, dei suoi talenti e delle sue maestrante particolamente competenti; e che verranno per questo inviate dove c’è da avviare una “scuola di formazioneper il trasferimento delle conoscenze e dei segreti del mestiere, costituendo di fatto delleGILDE autoreferenziate dell’Arca. L’EcoTUr Caesar, dunque, indica a tutti gli effetti un coefficiente di QUALITA’ di una comunità Resiliente che vive in forma residenziale in un Borgo (sia essoagricolo, produttivo, di pescatori, di trasformazione seriale, location per film, industriale, turistico) che si invera rispetto al suoquoziente vitale di “bellezza, beni comuni, buon governo, efficacia, efficienza, identità, attrazione, maestranze, competenze, gilde, centri ospitalità, ricezione, orti, logistica, produttività, benessere, film location, magazzinaggio, resilienti, rivendite dirette e suburbane, gioventù, attività ludiche, areopaghi, condotte, campi scuola e lab’oratori, xenodochium, areopaghi, serre e semenzai, assistenza agli anziani e sussidiarietà, eccedenze di produzione, marketing e natalità” che per noi indicano i parametri della Qualità Totale di una Vera Comunità Cristiana Resiliente.

L’EcoTUr Caesar per questi valori virtuosi si “invera” da subito dal momento della fondazione (attraverso la somma investita in termini di terre, cespiti, risorse, talenti, persone, operai della vigna, famiglie, macchinari, apparecchiature, materiali, sementi, beni immobili che restano di proprietà dei singoli, ecc.), costituendo la sommatoria dei valori in EcoTUr Caesar, che forma la credenziale o Reddito di Resilienza “itinerante e disarticolato” di ogni Resiliente, (che avrà diritto a possedere una copia legale del Certificato di Credito, a scadenza annuale, dove verranno comunque annotati eventuali “meriti” o “condanne” riconoscibili ovunque si vada); che pur non essendo un “avente titolo” resta sempre un “avente diritto” a tutti gli effetti in egual misura di tutti gli altri, in quanto parte attiva e persona appartenente ad una Comunità Resiliente. Tale “credenziale” che costituisce di fatto il “PATRIMONIO COMUNE INALIENABILE ED INCONTROVERTIBILE” gli consente di itinerare da un Borgo all’altro, frequentare e gestire Negotii EcoTUr GLocal Service, partecipare alle filiere, ai consorzi, alle cooperative di lavoro, servizi e assistenza, e a tutte le attività proprie del Progetto di Rete, senza dover pagare mai nulla laddove vi siano dei consumi, quindi nè per mangiare, nè per vivere, nè per curarsi, nè per vestire, nè per alloggiare, nè per i trasporti, nè per l’energia, nè per l’istruzione, nè per viaggiare; potendosi appoggiare in qualunque posto siano esposti i nostri marchi e vi siano nostre comunità di Cattolici Resilienti. Ciò vale, ovviamente sia in regime di costituzione che durante la messa a regime delle “comunità” Borghi Eucaristici di Xenobia.

L’EcoTUr Caesar, dunque. è un “valore certificato a scadenza“, proprio per evitare il fenomeno dell’accumulo (se “va a male, scade”, perchè tenerlo?) e il ritiro dal mercato (che comporterebbe un ulteriore costo e aggreavio per tutti.

Gli Arcieri, pur non essendo necessariamente stanziali, godono degli stessi diritti. Tutti hanno l’obbligo del rispetto della stessa medesimaRegola Aurea dei Tre Bauli o Arche: MISSIONE, COMUNITA’, FAMIGLIA. Sebbene possano essere vissuti anche tutti e Tre i Tempi con altre persone, nei casi di Missione vi è l’obbligo dello spostamento della intera famiglia in altri luoghi o della comunità o da Fondare. Ecco perchè non poniamo limiti alla Provvidenza e alle Grazie Celesti per i TRASFERIMENTI DI RICCHEZZA in qualunque forma essi si “inverano”.

L’EcoTUr Caesar, infatti è un cambio di “abito” (inteso anche “abitudini”) ma anche di casacca, bandiera, padrone (“Non puoi servire a due Padroni: Dio e Mammona“) ma non ha nessun valore tangibile se non in funzione dell’essere parte di un sistema integrato. L’EcoTUr Caesar, infatti, prima ancora che una vocazione è un atto di CONVERSIONE nella Resilienza Cattolica a sostenere progetti comuni. E’ un valore collettivo, come può essere una riserva aurea, che dà l’effettiva garanzia che il valore circolante ha una copertura di “valore” solido. E, l’addove per l’EcoTUr Caesar si intende per “valore” solido le proprietà comuni e private, le produzioni, i beni comuni, la bellezza dei luoghi, l’indice di giovinezza, natalità e riciclo naturale della vita, di contro, al posto della Valuta, Denaro, Assegni, Buoni, ecc. subentra il fattore “psicologico” della gratuità e della sussidiarietà che compensa di gran lunga il “senso del possesso” che ne limita di gran lunga il “potere d’acquisto” l’addove è tutto a disposizione. Questo diventa presto il risultato “tangibile” di chi ha aperto gli occhi su questa società “perversa”, “demente”, “tiepida”, “peccatrice”, e che si è portato sulla visione del Regno, lo stesso che Gesù ci è venuto a portare e testimoniato nei Santi Vangeli, e che impara a delegare e “affidarsi”


Per quanto ci compete sapere, la moneta di Cesare aiuta e pensa al suo popolo come anche ai nascituriconsiderati una ricchezza irrinunciabile e “non negoziabile” per il genere umano; la continuità della sua specie e ancor di più amati senza limite da Dio ai quali affida come ad ognuno di noi un’anima unica, irripetibile, insostituibile; la moneta di Erode, al contrario, quella fraudolenta dei guerrafondai, per intenderci, non aiuta e non pensa al suo popolo; anzi, uccide i nascituri (degli altri) con un piano diabolico per l’eccellenza imponendo nelle “incossenzienti madri” lo stesso mantra che fa pensare che l’unica forma di sostentamento sia affidarsi alla accettazione incondizionata del Soldo dell’Anticristo e dell’ASSASSINO ANTICO, DIVORATORE DI ANIME E LADRO DI TEMPI. (Commercio e mercimonio unico con in MARCHIO della Bestia senza il quale non si può nè vendere e nè comprare; schiavitù e sottomissione senza condizione; mercenarismo come inutili e stolti SOLDATI apostàti dell’Unico Signore; la MINACCIA a subordinarsi al silenzio e alla menzogna attraverso un linguaggio subdolo e “politicamente corretto e ACCETTATO” che ipocritamente -consapevolmente o no- sostiene la cultura della morte e lo sterminazionismo; la RINUNCIA ALLA PROPRIA SOVRANITA’ in ogni campo a vantaggio delle matrici di peccato e di controllo o monopolio alimentare, energetico, politico, sanitario, monetario, religioso; il tutto riportato ad un programma luciferino transumanista e iperdemocratico).
Nel Depliant dei Borghi di Xenobia, IL valore di forza, oltre alle CAERP (Cappelletta di Adorazione Eucaristica e del Rosario Perpetuo) per l’elevazione spirituale e la sintonizzazione con la Trinità e Maria Santissima, è quello delReddito da Natalità, che contribuisce ad accrescere e “motivare” in ogni persona degna e realmente cattolica, un sano “trasferimento di ricchezza” inverando l’EcoTUr Caesar. Questa è la nostra identità primaria.

Infatti, verrebbe naturale pensare che ogni cattolico dovrebbe per primo attivarsi a sostenere nelle forme che gli sono più proprie i Borghi “Eucaristici” di Xenobia, anche trasferendo i propri depositi e risparmi come se i Borghi fossero di fatto un Istituto o Cassa di Deposito e Credito, ricevendone in Cambio, come Interessi, la partecipazione diretta alla vita dei Borghi (fino, forse, a diventare un vero e proprio Resiliente); in questa maniera, senza rendersene sufficientemente conto, contribuisce a sopperire nella maniera che invece gli è più propria al “vuoto giuridico” che lascia alle donne il “DRAMMA” antropologico di decidere sulle sorti future del genere umano, affidandole al proprio carnefice che è ERODE e di cui siamo in qualche modo tutti complici silenti.
Ecco perchè l’azione degli Arcieri non è solo DEGNA per il fatto di stabilire nuove Comunità Umane presso i Borghi, nel massimo della escosostenibilità, ma merita di essere divulgata e portata avanti come “conditione sine qua non“ aiutare la vita dal concepimento alla assistenza degna di fine vita.
Ora ciò è detto a titolo esemplificativo, pur essendo quella dei Borghi e della Resilienza Cattolica una proposta di progetto, potremmo insieme intenderlo come un modello sociale cristiano per gli ultimi tempi, in assenza di un protocollo che ne definisca le modalità anche laddove regna il silenzio e la desolazione.

—————————o0o————————–

Facciamo un esempio di ordine pratico. Oggi tu hai una casa di proprietà che vale 250mila euro. A Fatima c’è un Borgo di 50 case per 250 persone 30 famiglie + pellegrini, amici, Arcieri, consacrati, ecc.. Una opera che è costata immagina pure 1milione di euro. Se fra quei soldi ci fossero stati i tuoi 250mila euro tu avresti avuto -ragionando con la mentalità di questo mondo che è “affaristica” e “interessata”- 1/4 di tutto quel Borgo. Ossia 17case occupate da te o affidate a 60 persone che potrebbero produrti tutto quello che ti occorre per vivere bene e persino gestirti la proprietà. Un affare, non trovi? Diventeresti all’improvviso un proprietario terriero con una produzione agroalimentare, artigianale e magari anche con una ostelleria o hotelleria, con ristorante e rivendite di ogni genere. Ed in uno spazio in mezzo alla natura e persino in un luogo a forte impatto turistico come è Fatima. Potresti affittare stanze e soggiornarvi ogni volta che vuoi. Pensa se poi la metti in una rete strutturata tipo RCI con altri multiproprietari di Borghi e quindi puoi anche farti le vacanze in ogni posto che vuoi scambiando le settimane con altri “soci”. E pensare pure, a questo punto, di pensionarti o lasciar stare con le mille attività con cui sei affaccendato e che non ti produce un reddito come vorresti e nemmeno garanzie come avresti immaginato un tempo. Ecco l’occasione!

Ma questa è la mentalità del mondo. Ciononostante anche potendoti convincere del buon affare insistendo su questo piano, io vi dico, invece, che l’affare maggiore non è questo. Ce ne è uno ben maggiore: poterti liberare da ogni legame con Mammona, che ti toglie il tempo di essere libero per te stesso, per i tuoi cari, per il prossimo; poterti liberare da ogni paura di non riuscire ad essere te stesso, di dipendere da chi ti controlla e domina; poterti liberare dalle dipendenze, dalle malattie, dalle contaminazioni, dalla corruzione, dalla lotta fratricida, dalla concussione, dal marcio, da ogni genere di matrice; poterti liberare dal sospetto che a tavola non mangi più alimenti sani e genuini e nemmeno ti puoi permettere più il lusso di goderti una bella mozzarella di bufala, verdure, un buon salame, patate saporite, un buon ciambellone, pane fragrante e pizza a volontà; poterti liberare dal timore che i tuoi figli non crescano felici come sei cresciuto tu che correvi per i campi, ti portavi la palla a casa dopo aver vinto con i tuoi amici una sfida, costruire capanne nei boschi, e tuffarti nei ruscelli di montagna, raccogliere more, fragoline, lamponi, ciliegie; poterti liberare dall’ossessione di non vivere in un regime di “sovranità” alienata dove è il possesso del denaro e l’obligatorietà della sua circolazione a crearti vincoli esistenziali e inquinamento sotto l’unica legge del consumo.

I nostri prodotti a Km 0. La valuta “in natura” o a credito

I Prodotti EcoTUr dell’Arca della Bellezza –Pane, Manufatti Caseari, Norcineria, Frutta & Verdura, Conserve, le migliori Produzioni Locali e Tipiche dell’Artigianato, delle Arti e dei Mestieri, Ricette Eno-Gastronimiche Tipiche con la relativa Dieta degli Arcieri e stoccaggi, Miele, Itinerari-Visite Guidate di mille Sapori e Saperi, fra Bellezze incontaminate, Arte e Identità Culturali, fra Genio Loci e Scoperte Antiche della Scienza e della Tecnica– sono dati gratuitamente agli Arcieri e dietro versamento di ‘valuta’ EcoTUr Caesar ai sostenitori. Questa ‘valuta’ è quantificata in Tempo, secondo gli sforzi reali compiuti per essere Cattolico Resiliente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...